Esplora contenuti correlati

 

Ordinanza Sindacale n. 42 del 04.08.2021

Emergenza epidemiologica da COVID19.

Adozione di misure di prevenzione e contrasto del contagio nel territorio comunale.

 
Ordinanza Sindacale n. 42 del 04.08.2021
 

COMUNE DI DOLIANOVA

IL SINDACO


PREMESSO che lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso
all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili dal COVID19 disposto dal Consiglio dei
ministri il 31 gennaio 2020, prorogato con provvedimenti successivi, è stato ulteriormente prorogato fino
al 31 dicembre 2021 dall’art. 1 del D.L. 23 luglio 2021 n. 105;
VISTI:
il Decreto-Legge 25 marzo 2020, n. 19 convertito dallaLegge 22 - maggio 2020, n. 35;
- il Decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito dalla Legge 14 luglio 2020, n.74;
- il Decreto - Legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito dalla Legge 17 giugno 2021 n. 87;
- l’Ordinanza del Ministro della Salute del 22 giugno 2021;
VISTA la comunicazione dell’ATS – Dipartimento di Prevenzione zona Sud Sardegna che segnala un
aumento rilevante dei casi di contagio nel Comune di Dolianova;
RITENUTO necessario adottare, a tutela della salute pubblica, in via precauzionale, ogni utile misura
volta a scongiurare la diffusione del virus ed a circoscrivere il diffondersi del contagio;
RICHIAMATO l’art. 32 della L. 23 dicembre 1978, n. 833, che prevede la competenza del Sindaco in
relazione all’emissione di ordinanze di carattere contingibile e urgente, in materia di igiene e sanità
pubblica e di polizia veterinaria, con efficacia estesa al territorio comunale;
VISTO l’art.50 D.Lgs. 18 agosto 2000 n.267;
VISTO l’art. 117 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
RITENUTO di disporre che il presente provvedimento abbia un efficacia di 10 giorni, salvo revoca
anticipata nel caso di cessazione dei presupposti che ne rendono necessaria l’adozione, proroga del
termine o adozione di nuovi provvedimenti eventualmente più restrittivi;


ORDINA

fatta salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conseguenza dell’evoluzione della situazione
epidemiologica, su tutto il territorio comunale, a decorrere dalla data del 4 agosto 2021 e fino al 13 agosto 2021:
sono sospese tutte le manifestazioni e iniziative pubbliche di qualsiasi natura (culturali, - ludiche, sportive,
ricreative) svolte in luoghi chiusi o all’aperto;
- è vietata qualunque forma di affollamento o assembramentonelle strade e piazze ed in tutti i luoghi aperti al
pubblico;
- l’utilizzo obbligatorio dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, anche all’esterno.
Per quanto non previsto nella presente ordinanza si applicano le disposizioni vigenti in materia di
contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.


RACCOMANDA
il rispetto delle normative vigenti per il contrasto alla diffusione del virus e in particolare il divieto di
uscire di casa alle persone nelle seguenti condizioni:
– sottoposti a quarantena;
– in presenza di sintomi di infezione respiratoria;
– in presenza di febbre superiore ai 37,5°;


DISPONE
che il presente provvedimento sia:
- pubblicato all'Albo Pretorio e sul sito istituzionale dell'Ente;
- sia trasmesso per gli adempimenti di competenza al:
- Prefetto di Cagliari;
- ATS Sardegna – ASSL Cagliari – Servizio Igiene e Sanità Pubblica;
- Presidente della Regione Autonoma della Sardegna;
- Questore di Cagliari;
- Comando Compagnia Carabinieri di Dolianova;
- Comando Stazione Carabinieri di Dolianova;
- Comando di Polizia Locale – Unione dei Comuni del Parteolla e Basso Campidano;
- Centro Operativo Comunale di Protezione Civile;
- Segretario Comunale.


DEMANDA
al Corpo di Polizia Locale e alle altre Forze di Polizia il controllo sulla ottemperanza del presente
provvedimento.
E’ comunque fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare;

AVVERTE
che ai sensi dell’art. 4 del Decreto - Legge n. 19 del 25 marzo 2020, convertito dalla Legge 22 maggio
2020 n. 35, in combinato disposto con l’articolo 2 del D.L.16 maggio 2020 n.33 convertito con
modificazioni con legge 14luglio2020 n.74 i trasgressori del presente provvedimento, salvo che il fatto
non costituisca reato, saranno puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 400,00 ad euro
3.000,00 nonché, ove ne ricorrano i presupposti, con le ulteriori sanzioni previste dalla normativa vigente.
Avverso la presente Ordinanza è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale Amministrativo
Regionale nel termine di sessanta giorni dalla pubblicazione, ovvero ricorso straordinario al Capo dello
Stato entro il termine di giorni centoventi.


IL SINDACO
PIRAS IVAN